Fotografieincomune

Milano - Duomo - Cuspide della porta della sacrestia meridionale, Hans von Fernach (Farnech)
Milano - Duomo - Cuspide della porta della sacrestia meridionale, Hans von Fernach (Farnech)
Data 1894 post - 1899 ca.
Tecnica positivo, gelatina bromuro d'argento/carta
Misure mm 248 x 192 (supporto primario)
Collocazione Raccolta Iconografica , inv. FM B 322
Luogo di conservazione Civico Archivio Fotografico - Civiche Raccolte Grafiche e Fotografiche - Piazza Castello, 1 - Milano (MI)
  • AUTORE
    stabilimento Alinari, Fratelli 1852- Leopoldo Alinari (1832-1863) aprì il suo primo laboratorio nel 1852, dopo un periodo di apprendistato presso il prestigioso laboratorio calcografico di Luigi e Giuseppe Bardi, in Via Cornina a Firenze, proprio vicino ai Bardi. Dopo soli due anni, insieme ai fratelli Giuseppe (1836-1891), che si occuperà del lavoro tecnico e del laboratorio, e Romualdo (1830-1891), che curerà la parte amministrativa, fonda la Alinari Photographes Editeurs. È del 1863 il trasferimento presso quella che sarà la sede storica della Società: un grande stabilimento, appositamente costruito, in via Nazionale. La ditta orientata, in un primo momento, alla riproduzione dei tesori pittorici, scultorei e architettonici di Firenze, estende ben presto la propria attività a tutta la Toscana, ad altre regioni, e poi a istituzioni, musei, biblioteche, scuole d'arte di tutto il mondo. Gli Alinari portano a compimento campagne specifiche, organizzano il loro archivio, pubblicano i loro lavori in cataloghi a stampa. Impongono anche uno stile di ripresa fotografica unitario per tutti gli operatori, quasi si trattasse di un unico autore: la scelta dell'illuminazione, dell'angolazione di ripresa e dell'ottica devono rispondere all'esigenza primaria di restituire al pubblico una lettura dell'opera limpida e di facile comprensione. Ricevono le prime onorificenze all'Esposizione Universale di Parigi del 1855 e a quella di Bruxelles del 1856. Nel 1861 partecipano all'Esposizione Italiana di Firenze. Dopo la morte di Leopoldo, nel 1865, la conduzione aziendale passa nelle mani dei fratelli. Alla loro morte le redini passano al primogenito di Leopoldo: Vittorio (1859-1932). Egli intensifica l'attività editoriale, incrementando i lavori sulla veduta urbana e organizzando campagne di rilevamento fotografico in ogni angolo di Italia e all'estero (Grecia, Francia, Germania). Nel 1910, dopo la morte del figlio, Vittorio ridimensiona l'attività e cede l'azienda a una società di studiosi fiorentini. Nel 1920 nasce la Fratelli Alinari - Società Anonima I.D.E.A.: Istituto di Edizioni Artistiche. Scampato miracolosamente ai bombardamenti della seconda guerra mondiale, l'archivio Alinari si arricchisce grazie all'acquisizione dei fondi di altri importanti studi italiani: Brogi, Andreson e Michetti, solo per citarne alcuni.
  • FONDO
    Raccolta Iconografica La Raccolta Iconografica, uno dei fondi storici del Civico Archivio Fotografico, conservava originariamente circa 20.000 fototipi, come si deduce dalla numerazione riportata sul verso di ciascun supporto (numerazione compresa tra 1 e 18.600, alla quale va aggiunto un nucleo di fotografie non numerate). Il fondo comprende la documentazione fotografica acquisita nel tempo dalle diverse direzioni delle Raccolte d'Arte di Milano, con importanti nuclei legati agli interessi e alle specifiche attività svolte dai conservatori succedutisi negli anni. Iniziò a costituirsi come fondo archivistico probabilmente a partire dal 1926 quando vennero commissionate a Osvaldo Lissoni una serie di campagne fotografiche per documentare le imminenti trasformazioni della città in vista dell'attuazione del nuovo Piano Regolatore. Lissoni produsse numerosi negativi su lastre di vetro con i relativi positivi; solo questi ultimi confluirono nella Raccolta insieme alle altre numerose stampe già conservate nell'Archivio fotografico. Furono Giorgio Nicodemi (dal 1928 al 1945) e il suo successore alla direzione dei Civici Musei d'Arte, Costantino Baroni (morto nel 1956), a organizzare e implementare sistematicamente il fondo avviandone il lavoro di riordino. Le fotografie, raffiguranti in gran parte opere dell'arte italiana e straniera e vedute urbane, furono ordinate per tematiche generali e per artisti al fine di fornire agli storici dell'arte uno strumento di studio e documentazione. In tal senso fu fondamentale l'intervento critico di Baroni nell'identificare e attribuire numerose opere d'arte documentate nell'archivio. L'originaria schedatura del fondo, documentata da alcune schedine cartacee conservate insieme alle fotografie, prevedeva numerose chiavi di accesso: per autore, per luogo, per soggetto, per ambito artistico e per iconografia; nelle schede si riportava inoltre il formato della fotografia. Tali indicazioni sono spesso riportate anche sul verso dei supporti, almeno su quelli numerati fino al 14.000; le fotografie numerate con numeri successivi e quindi da una certa data in poi (anteriore al 1951, come si deduce da un supporto datato e privo di numerazione) sono state invece archiviate sostituendo alla schedatura la semplice iscrizione sul verso del supporto. Le fotografie conservate nel fondo coprono un arco cronologico che va dalla metà del XIX secolo agli anni Cinquanta del XX, eseguite da oltre 180 autori fotografi tra i quali, oltre al citato Lissoni, Vincenzo Aragozzini, Antonio Paoletti, Dino Zani, Ugo Zuecca, Alinari, Anderson, Brogi, Crimella e Giacomelli. Nel 1999 è stato avviato il lavoro di riordino e di catalogazione del fondo, tutt'ora in corso, col sistema SIRBEC della Regione Lombardia che segue gli standard ICCD per la scheda F. Costanti aggiornamenti dei dati vengono effettuati parallelamente al progredire degli studi relativi al fondo.
Top