Fotografieincomune

Scultura - Pietà Rondanini - Michelangelo Buonarroti
Scultura - Pietà Rondanini - Michelangelo Buonarroti
La Pietà Rondanini è collocata ancora nella sala degli Scarlioni al Castello Sforzesco di Milano. L'autore, durante lo scatto, ha proiettato sulla scultura una fonte luminosa in movimento. Successivamente l'opera è stata spostata in una delle Sale dell'Antico Ospedale Spagnolo, allestita dall'architetto Michele De Lucchi e inaugurata come nuovo museo dedicato il 2 maggio 2015.
Data 2016
Autore Cresci, Mario
Tecnica positivo, stampa ink-jet / carta
Misure Formato: A 2
Luogo di conservazione Civico Archivio Fotografico - Civiche Raccolte Grafiche e Fotografiche - Piazza Castello, 1 - Milano (MI)
  • AUTORE
    Cresci, Mario Nato 26/02/1942
  • FONDO
    Mario Cresci - Progetto "Pietà Rondanini" Il 2 maggio 2015, a seguito di un nuovo progetto di allestimento dell'architetto Michele De Lucchi, la Pietà Rondanini di Michelangelo è stata spostata dalla sua sede originaria - la Sala degli Scarlioni con allestimento BBPR - in una sala dell'Antico Ospedale Spagnolo, sempre al Castello Sforzesco di Milano. Mario Cresci (Chiavari, 1942) ha voluto realizzare, tra il 2015 e il 2016, un progetto fotografico dedicato alla Pietà Rondanini, seguendo anche l'esempio e le suggestioni del progetto fotografico realizzato da Paolo Monti nel 1977. Il progetto di Cresci è poi in parte confluito nella mostra "Mario Cresci. In aliam figura mutare. Interazioni con la Pietà Rondanini di Michelangelo" (Milano, Castello Sforzesco, Antico Ospedale Spagnolo, 25 maggio - 25 settembre 2016). Cresci ha donato al Civico Archivio Fotografico, dopo la mostra, 40 stampe inkjet formato A2, per l'archiviazione. Il progetto ha avuto diverse fasi di realizzazione, corrispondenti a 4 serie di fotografie. Di seguito, titoli e specifiche delle serie: 1. "Auxilium", 8 stampe inkjet formato A2 (594 x 420 mm), con firma autentica: la Pietà Rondanini è ripresa nello storico allestimento della Sala degli Scarlioni; 2. "La luce", 21 stampe inkjet formato A2 (594 x 420 mm), con firma autentica: la Pietà è ripresa nel nuovo allestimento nell'Ospedale Spagnolo; 3. "I teli", 6 stampe inkjet formato A2 (594 x 420 mm), con firma autentica: i soggetti delle riprese sono persone avvolte da coperta termica color argento; 4. "Frames in iperspazio stellato", 5 stampe inkjet formato A2 (594 x 420 mm), con firma autentica: le fotografie sono fotogrammi tratti da un video che Cresci ha elaborato componendo fotografie in 3D della Pietà e riprese dello Spazio effettuate dalla NASA. Il fondo è stato catalogato col sistema SIRBEC della Regione Lombardia che segue gli standard ICCD per la scheda F. Costanti aggiornamenti dei dati vengono effettuati parallelamente al progredire degli studi relativi al fondo.
Top